×
menu

Opere idrauliche e territorio

Azioni collettive congiunte per il risarcimento dei danni causati da alluvioni ed eventi naturali.

Autorizzazioni idrauliche

Risarcimento danni da mancata manutenzione delle opere idrauliche

Class action e gestione dei comitati dei danneggiati

La fragilità del territorio italiano non è un'emergenza di quest'ultimi anni, ma è una tipicità del nostro territorio determinata dalla sua naturale predisposizione. Le criticità emerse negli ultimi tempi spesso sono state determinate dal progressivo degrado del quadro territoriale che ha favorito il proliferare di disastri ambientali come alluvioni, frane e dissesti idrogeologici. Ciò che sembra causato da fenomeni eccezionali spesso è conseguenza di ordinarie mancanze degli Enti preposti alla conservazione e manutenzione del territorio. Le alluvioni sono state un flagello frequente di questo ventennio. I danni causati in molte parti del Paese dalla furia delle acque fuori dal loro corso sono stati ingenti e talvolta difficilmente riparabili. La causa di questi fenomeni è stata spesso attribuita esclusivamente all'eccessiva quantità di precipitazioni in tempi brevi, c.d. bombe d'acqua, ponendo in secondo piano l'eventualità di carenze manutentive o di sottostima del rischio idraulico nell'ambito delle misure di salvaguardia delle aree soggette ad allagamento. Fare chiarezza sulle ragioni che hanno determinato un tale evento negativo è un diritto a cui non si può rinunciare. La riunione dei cittadini colpiti dalla calamità e la costituzione di un comitato permette di raggiungere quella sinergia che si traduce in azione, anche giudiziaria, quando emergono responsabilità che superano la forza degli elementi naturali.

Da più di 20 anni Giusti Studio Legale si occupa di risarcimenti per causa di alluvioni ed è stato il primo in Italia a proporre con successo una azione collettiva, anche se non nella forma di class action, per il risarcimento dei danni causati dall'alluvione provocata nel 1992 dalla caduta dell'argine del torrente Ombrone a Poggio a Caiano per mancata o carente manutenzione, A questa prima azione ne sono seguite altre fra cui l'ultima in ordine di tempo per l'alluvione di Albinia causata dall'Albegna nel 2012.